Anxiety & CheckOff

24 aprile 2009 § Lascia un commento

Di questi tempi siamo tutti sovraccarichi di lavoro, studio, commissioni, in generale una miriade di “cose da fare“ e i tanto noti post-it® a volte non ci facilitano la vita 😛

Per questo oggi voglio presentarvi due semplici quanto efficaci programmi per tenere traccia di tutte le vostre attività…ah dimenticavo sono entrambi gratuiti ma compatibili solo con 10.5 (Leopard).

anxiety

Il primo è Anxiety.Questa applicazione è degna di nota in quanto ci permette di avere sincronizzate le nostre note e attività tra iCal e Mail, e averle a disposizione mediante una semplicissima interfaccia grafica. Aggiungere, eliminare o evidenziare come svolto un evento in una di queste tre applicazioni si ripercuote sulle altre, in modo da avere una lista sempre aggiornata.

La sua finestra di dialogo può essere richiamata dalla sua icona posta nel Dock o dalla scorciatoia nella menubar; l’uso di questo programma è intuitivo e rapido quanto semplice.

anx

___________________

checkoff

Il secondo è CheckOff. Anche questo programmino ci permette di gestire una lista di eventi direttamente dalla sua icona posta nella menubar.

Permette la creazione di gruppi di attività, in modo da collezionare eventi affini e mette a disposizione delle note personali per ogni attività aggiunta.

check

Un paio di chicche caratteristiche di CheckOff sono le etichette colorate, Finder-like, per avere un’organizzazione anche visiva degli impegni e la possibilità di sincronizzare la propria lista con l’iPod e avere i propri “compiti da svolgere” sempre con sé.

Annunci

Piove…

20 aprile 2009 § Lascia un commento

200236712-001

Dopo essere tornato a Torino, finita la pausa festiva, mi aspettavo delle belle giornate di sole, visto che il calendario confermava la mia ipotesi che la primavera fosse già arrivata, almeno sulla carta 😛

Invece eccomi qui, con 5 giorni ininterrotti di pioggia alle spalle e chissà quanti ancora che mi aspettano. Non ne posso più del tempo grigio e di tutta questa acqua…avevo anche comprato delle bellissime scarpe scamosciate, ma questo tempo non mi permette neanche di godermele.

Bastaaaa voglio il sole!!!

Lettori scusate lo sfogo ma ci voleva! Bye

Buona Pasqua 2009

11 aprile 2009 § Lascia un commento

pasqua

Con questo post voglio augurare buone feste Pasquali a tutti i miei lettori più “accaniti”, ai visitatori sporadici del mio blog ed anche a coloro che ne hanno solo sentito parlare…scherzo, auguri sinceri a tutti Voi 😀

Nella speranza che le condizioni metereologiche permettano scampagnate, grigliate e quant’altro…mi raccomando non abbuffatevi troppo 😛

Buone Feste by Gianni

GrandPerspective

5 aprile 2009 § Lascia un commento

grandperspective

Non vi è mai capitato di trovarvi spazio sul disco occupato senza ricordarvi il motivo? O di voler fare pulizia sul vostro disco, che si sta esaurendo, e non sapete da dove cominciare?

GrandPerspective. Questa leggera applicazione potrebbe tornarvi utile per tali scopi in quanto permette di visualizzare graficamente l’occupazione del disco o di una singola cartella presente sul vostro Mac.

Gp

La destinazione che si vuole controllare viene scelta appena lanciato il programma, che in pochi secondi ci ripropone la sua visuale grafica di occupazione.

Saltano subito all’occhio le directory o i file di dimensioni maggiori, persi magari nelle sottocartelle più impensate. Spostandoci su questa raffigurazione possiamo ottenere i dettagli del file selezionato, quali il nome, la dimensione e la sua posizione nel disco. Ogni singolo file o documento è rappresentato da un unico rettangolo, mentre quelli al suo fianco, che mantengono la stessa colorazione, sono quelli appartenenti alla stessa cartella.

I pulsanti presenti nella menubar dell’applicazione ci permettono di aprire direttamente un file selezionato, rivelarne la posizione, mediante l’apertura della rispettiva cartella nel Finder o eliminarlo liberando spazio. Sono presenti anche dei controlli per andare più nel dettaglio della sezione analizzata dal programma.

Ah dimenticavo, questa utility è gratuita e scaricabile dal sito dello sviluppatore.

FormulatePRO

4 aprile 2009 § 3 commenti

formulatepro1Nei giorni passati ho ricevuto numerose richieste da parte di persone che cercavano di scrivere dei commenti o semplicemente compilare un questionario su un file PDF, senza riuscire. La soluzione migliore che ho suggerito loro è questa leggera e gratuita applicazione per Mac OSX che sto per descrivervi.

FormulatePRO. Questo programma ci permette di aprire un comune file PDF e modificarlo a nostro piacimento inserendo del testo, dei disegni, delle forme; la cosa che non ci è permessa è alterare il contenuto originale del file, sostituendo ad esso del testo scritto da noi.

formulatehow

Possiamo decidere se salvare il file così modificato come progetto indipendente di FormulatePRO o esportarlo direttamente come file PDF, rendendo “indelebili” le parti aggiunte a posteriori.

Non è certo uno strumento professionale, ma per dei piccoli ritocchi o accorgimenti dell’ultimo minuto può sempre tornare utile.

Times

4 aprile 2009 § Lascia un commento

times

Sono passati quasi dieci giorni dall’ultimo post, gli impegni universitari hanno avuto la priorità sul blog, ma oggi mi ripresento con un articolo nel quale voglio descrivervi un interessante newsreader, un aggregatore di notizie e dei vostri feed RSS preferiti.

Times. Questa applicazione ha attirato la mia attenzione per la sua interfaccia grafica decisamente “originale” rispetto ai programmi della stessa categoria, a primo impatto sembra del tutto uguale ad una pagina di giornale, con i trafiletti, la sezione centrale e gli articoli in calce.

immagine-1

La logica che c’è dietro è quella comune di ogni lettore RSS, ovvero raccogliere le notizie interessanti per noi in un unico posto e renderle il più accessibili possibile. Times ha già integrate numerose “fonti” di news provenienti dagli States, ma a queste possiamo tranquillamente aggiungerne di nuove e provenienti dai nostri siti preferiti.

immagine-4

Cliccando sulla matita a destra possiamo aggiungere/eliminare dei feed e disporne dei nuovi all’interno della pagina di Times; possiamo organizzare le nostre “notizie” in tre sezioni, la parte alta, la barra laterale e quella in basso e ognuna di queste può ospitare più feed, accodandoli uno dopo l’altro semplicemente trascinandone uno nuovo in una di queste sezioni.

Questa applicazione ci permette anche di aggiungere e personalizzare nuove pagine in base al contenuto che rappresenteranno e degli articoli che raccoglieranno, e ci fornisce una comoda “mensola” dove potremo sistemare gli articoli più interessanti, ma che magari non abbiamo tempo di leggere, o semplicemente di cui vogliamo tenere traccia.

immagine-3

Come qualsiasi giornale che si rispetti, anche qui le news vengono riportate con tanto di immagini a corredo, e non come delle semplici intestazioni, come ci hanno abituati altri programmi; in più gli articoli selezionati ci verranno presentati “girando” la pagina principale, proprio come un vero quotidiano.

immagine-5

Times, il giusto compagno per la tua pausa caffè 😉

N.B. È possibile scaricare una versione di prova di Times, mentre la versione completa è acquistabile  per 30$ sul sito del produttore. Compatibile solo con Leopard 10.5

[Aggiornato 07-04-2009]

Questa grandiosa applicazione si aggiorna e arriva alla sua versione 1.1.1, apportando alcune migliorie alla procedura di aggiornamento e download delle notizie dai vari feed RSS aggiunti. È cambiato il colore dei badge che ci segnalano l’arrivo di news, dal rosso di prima ad un verde acceso.

È stata, inoltre, integrata la possibilità di condividere gli articoli sui più noti siti di social network, quali Facebook e Digg, di aggiungere un bookmark dell’articolo nel nostro profilo di Delicious e “last but not least” di condividere la notizia mediante il nostro account Twitter, con un apposito tweet con l’intestazione e il link all’articolo.

times2

WIRED N.02

25 marzo 2009 § 4 commenti

wired-ita

È già passato un mese dal primo numero di Wired, del quale ho enormemente apprezzato ogni singola pagina, ed ecco apparire sugli scaffali delle edicole, o nelle buche delle lettere (per chi abbonato), il secondo numero di questa affascinante e accattivante rivista.

wired2

La cosa che subito salta all’occhio è la stravagante copertina che richiama alla vista, e anche al tatto, la sensazione della corteccia di un albero…piccolo inciso: è stato esilarante vedere le facce degli ipotetici acquirenti, che dopo aver preso in mano il nuovo numero lo hanno subito lasciato andando in cerca di un altro, per controllare che non fosse rovinata la copertina di quello che avevano scelto, da morire…

Tornando seri e chiudendo questa parentesi, la nuova uscita ha un nuovo leit motiv del tutto incentrato sull’ecologia, sull’impatto ambientale dei nostri consumi e riporta un interessante articolo imperniato sullo Stato Vaticano e sulle tecniche che si stanno adottando per ottenere un “impatto zero”, a partire dai pannelli fotovoltaici per arrivare alle biomasse.

Vi sono altri articoli riguardanti l’arte della fuga, l’analisi della crisi del mercato di Wall Street, una recensione di un giornalista che ha passato tre settimane a San Francisco sfruttando le applicazioni GPS per il suo iPhone.

Ma non voglio anticiparvi nulla di più, vi toglierei il gusto di sfogliarlo voi stessi.

Non ho ancora avuto modo di leggere tutta questa seconda uscita, ma tra le cose che più mi hanno colpito mentre sfogliavo le prime pagine, ci sono le decine di commenti dei lettori riguardo il primo numero…si va dal pignolo che ha sottolineato tutti gli errori di stampa, alla signora indispettita del target della rivista rivolto ad un pubblico maschile, passando poi per un lettore che ha gentilmente chiesto all’art director se potesse usare dei caratteri più grandi in determinati articoli, documentati mediante numero di pagina.

Degna di attenzione è la mail, giunta alla redazione di Wired Italia, del fondatore della Rivista, Louis Rossetto: “I feel proud that such a beautiful, smart, fat edition has been created.The only problem? Your standard now is high…” che in riportata in italiano “Sono orgoglioso di un’edizione così bella, intelligente e colma di notizie.L’unico problema? Adesso i vostri standard sono alti…

suona quasi come una sfida, il primo numero di Wired Italia ha riscosso enorme successo, sia per la novità introdotta, sia per gli articoli accattivanti…riuscirà la redazione italiana a tener banco con i numeri successivi?

Le promesse ci sono tutte e la rivista merita veramente, vi consiglio di investire così 4€